...è stato mantenuto integro il sistema distributivo originario e stessa attenzione è stata riservata all’area esterna e alla conservazione delle dune esistenti...
Home Lavori Strutture ricettive La Colonia Principi di Piemonte

La Colonia Principi di Piemonte


Complesso residenziale Complesso turistico alberghiero

(in Restauri)

Calambrone, Tirrenia

Progetto: Arch. Marco Sereni
Responsabile cantiere: Arch. Salvatore Passalacqua
Capocantiere: Salvatore Letizia

La Colonia Principi di Piemonte - Calambrone, Tirrenia La Colonia Principi di Piemonte - Calambrone, Tirrenia La Colonia Principi di Piemonte - Calambrone, Tirrenia La Colonia Principi di Piemonte - Calambrone, Tirrenia La Colonia Principi di Piemonte - Calambrone, Tirrenia La Colonia Principi di Piemonte - Calambrone, Tirrenia La Colonia Principi di Piemonte - Calambrone, Tirrenia

Nel “villaggio” del Calambrone, la Colonia Principi di Piemonte costituisce un singolare episodio per l’evidenza del richiamo simbolico alla forma di un aereo, percepibile dall’alto. L’edificio, che sorge su un’area di circa 27.000 mq posta tra il Viale del Tirreno ed il mare, fu, infatti, costruito per i figli del personale dell’aeronautica militare: le “ali” dell’aereo alloggiavano dormitori e servizi; lo spazio centrale ospitava i servizi direttivi della Colonia; nella “coda” erano ubicati i servizi generali, le cucine, il refettorio e la centrale di riscaldamento; la “fusoliera”, infine, costituiva il collegamento coperto per l’accesso alle varie parti dell’edificio.

Edificata in un ambiente naturale di particolare pregio per morfologia e caratteristiche naturalistiche, nella zona ad immediato ridosso dell’arenile, la struttura ven-ne realizzata in muratura portante di elevato spessore e solai in ferro e laterizio. In funzione di tutto ciò, il progetto di ristrutturazione è stato elaborato integrando tra loro le esigenze di conservazione dell’edificio con quelle legate alle funzioni suggerite dalla normativa urbanistica e dalla vocazione turistica dei luoghi. Essa ha utilizzato gli spazi disponibili nel modo migliore secondo la loro specifica vocazione, valorizzandone le caratteristiche distributive e di orientamento.

Naturalmente, l’intervento è stato effettuato nel rispetto della normativa del “Piano di Gestione del Parco” e dei criteri del restauro conservativo. In particolare, sono state fedelmente conservate volumetrie e superfici esterne e sono stati restaurati, o ricostruiti secondo il disegno originale, gli intonaci, i tetti, gli infissi di legno, i portoni, le ringhiere di ferro... La copertura a padiglione, con strutture portanti in legno e manto di laterizio, è stata ricostruita con solai misti latero-cementizi e rifinita con manto simile a quello originario. Massima cura è stata prestata nell’individuare soluzioni distributive interne che non compromettessero la conservazione dei paramenti murari e delle aperture. è stato, quindi, mantenuto integro il sistema distributivo originario, imperniato su un asse che attraversa l’intero complesso a partire dall’ingresso principale verso la strada, fino alla spiaggia. Lungo questo percorso si raccolgono gli spazi originali più suggestivi: la hall di ingresso all’albergo, dalla copertura a capriate incrociate di legno, le grandi sale destinate al soggiorno e agli spazi comuni, il corridoio vetrato di collegamento tra i due corpi principali, il grande vano scale e, infine, la loggia circolare che si affaccia sul mare. Per ottenere questo risultato, è stato destinato a RTA il corpo minore verso la strada, utilizzando gli spazi più piccoli per gli appartamenti.

La notevole altezza degli ambienti ha consentito di ottenere due piani sovrapposti di camere, collegate al primo piano da un corridoio che si affaccia nella sottostante zona hall da due nuove scale di nuova realizzazione.

Gli spazi semicircolari, tra i più belli dell’intero complesso, vengono destinati interamente ad una sola unità abitativa alla quale si accede direttamente dall’esterno. Il percorso trasversale, in asse con l’ingresso principale, si incontra con lo scalone di accesso che conduce al nuovo percorso di distribuzione alle residenze, accolte sui due livelli superiori del corpo più grande verso il mare, la cui tipologia è stata scelta per garantire massima godibilità degli spazi. La stessa attenzione per il “disegno” originario è stata dedicata alla sistemazione dell’area esterna: piscina, solarium, bar, campo di calcetto, cabine spogliatoio, sono, infatti, dislocati nella zona d’ingresso al complesso, opposta al mare. Ciò ha consentito la rigorosa conservazione delle dune esistenti, fortemente caratterizzanti il sito che, per la bellezza e per la suggestione che lo contraddistinguono, fu scelto, non ancora restaurato, come set per gran parte delle riprese del film “Il paziente inglese”.

BULGARELLA COSTRUZIONI P.I. 02062720814 | Trattamento dati personali - Cookie Devitalia